cactusinhabitat - logo
Echinopsis guentheri
(Kupper) Anceschi & Magli 2013
Fotografia di Echinopsis guentheri in habitat

2011, Bolivia, Santa Cruz

 

Rilevamenti

2011, Bolivia, Santa Cruz, Valle del Rio Grande, A&M 684 Mostra sulla mappa

Anteprima di Echinopsis guentheri
01-1100791
Anteprima di Echinopsis guentheri
02-1100792
Anteprima di Echinopsis guentheri
03-1100794
Anteprima di Echinopsis guentheri
04-1100829
Anteprima di Echinopsis guentheri
05-1100831
Anteprima di Echinopsis guentheri
06-1100802
Anteprima di Echinopsis guentheri
07-1100800
Anteprima di Echinopsis guentheri
08-1100833
Anteprima di Echinopsis guentheri
09-1100839
Anteprima di Echinopsis guentheri
10-1100937
Anteprima di Echinopsis guentheri
11-1100945
Anteprima di Echinopsis guentheri
12-1100940
Anteprima di Echinopsis guentheri
13-1100921
Anteprima di Echinopsis guentheri
14-1100928
Anteprima di Echinopsis guentheri
15-1100927
Anteprima di Echinopsis guentheri
16-1100964
Anteprima di Echinopsis guentheri
17-1100961
Anteprima di Echinopsis guentheri
18-1100963
Anteprima di Echinopsis guentheri
19-1100953
Anteprima di Echinopsis guentheri
20-1100955
Anteprima di Echinopsis guentheri
21-1100980
Anteprima di Echinopsis guentheri
22-1100982
Anteprima di Echinopsis guentheri
23-1100983
Anteprima di Echinopsis guentheri
24-1100984
Anteprima di Echinopsis guentheri
25-1100986
Anteprima di Echinopsis guentheri
26-1100987
Anteprima di Echinopsis guentheri
27-1100991
Anteprima di Echinopsis guentheri
28-1100993
Anteprima di Echinopsis guentheri
29-1110001
Anteprima di Echinopsis guentheri
30-1100998
Anteprima di Echinopsis guentheri
31-1110009
Anteprima di Echinopsis guentheri
32-1110010
Anteprima di Echinopsis guentheri
33-1110011
Anteprima di Echinopsis guentheri
34-1110025
Anteprima di Echinopsis guentheri
35-1110017
Anteprima di Echinopsis guentheri
36-1110032
Anteprima di Echinopsis guentheri
37-1110037
Anteprima di Echinopsis guentheri
38-1110022
Anteprima di Echinopsis guentheri
39-1110024
Anteprima di Echinopsis guentheri
40-1110038
Anteprima di Echinopsis guentheri
41-1110046
Anteprima di Echinopsis guentheri
42-1110053
Anteprima di Echinopsis guentheri
43-1110049
Anteprima di Echinopsis guentheri
44-1110051
Anteprima di Echinopsis guentheri
45-1100879
Anteprima di Echinopsis guentheri
46-1100880

 

torna all'inizio

Sinonimi

Cephalocereus guentheri*, Espostoa guentheri, Vatricania guentheri
* Basionimo

Distribuzione

Bolivia (Chuquisaca, Santa Cruz)

Stato di conservazione

(3)   Vulnerabile, VU B1ab(iii)+2ab(iii)

Commenti

Nel luglio 2011 ci trovavamo in Bolivia nella Valle del Rio Grande, tra i dipartimenti di Santa Cruz e Chuquisaca a studiare Espostoa guentheri (Kupper) Buxbaum, per valutare quanto queste popolazioni fossero prossime, a livello olomorfologico, a Espostoa Britton & Rose, come proposto da Hunt et al., anche se sottolineando la disgiunzione di areale rispetto al resto del gruppo (2006, text: 116), piuttosto che a Vatricania Backeberg, reintrodotta da recenti studi molecolari (Lendel et al. 2006, umpubl. data in Nyffeler & Eggli 2010). All’epoca non avremmo pensato che forse la risposta giusta fosse un’altra, una terza, come emerge con evidenza da studi molecolari ancora più recenti e completi (Schlumpberger & Renner 2012). Da questi ultimi studi risulta che Espostoa e Vatricania e altri generi della tribù Trichocereeae (Anderson 2001; 2005; 2011; Hunt et al. 2006) o sottotribù Trichocereinae (Nyffeler & Eggli 2010), assieme alle specie incluse nell’attuale concetto di Echinopsis sensu lato (Anderson 2001, 2005, 2011; Hunt et. al 2006), costituirebbero un unico clade monofiletico in Echinopsis, ben supportato (100% bootstrap suport). Questo sostituirebbe l’attuale clade dimostratosi altamente polifiletico, in quanto non includente tutti i membri della linea evolutiva. Tornando alla Valle del Rio Grande, le osservazioni sulla morfologia del cefalio di tutti gli esemplari osservati di E. guentheri, hanno evidenziato che nessuno mostra il carattere che secondo Backeberg (1966, 789, fig. 444) distingue Vatricania da Espostoa, cioè il cefalio superficiale che circonda interamente la parte alta del fusto. Quello che succede all’esemplare in serra nella foto di Backeberg non si riscontra in natura. Sulle piante più adulte, nella parte apicale, il cefalio può coinvolgere qualche costa in più rispetto al centro del fusto (foto 14), ma mediamente, negli esemplari maturi, il cefalio occupa circa una metà delle coste. Per esempio nel fusto delle foto 33-34, il cefalio all’apice occupa 11 coste su 22, e scendendo verso il basso si restringe sino a occuparne 7 su 22. La distinzione tra Espostoa e Vatricania non risiede dunque nella forma o nella dimensione del cefalio. Per la definizione del taxon, preso atto dei risultati molecolari evidenziati da Nyffeler e Eggli (2010), dati rafforzati dalla disgiunzione di areale dei due generi, eravamo dell’avviso di optare per Vatricania, ma, come dicevamo, sono stati illuminanti i risultati degli studi di Schlumpberger & Renner (2012). A questo riguardo non abbiamo avuto difficoltà a interpretare Cleistocactus Lemaire, Denmoza Britton & Rose, Oreocereus (A. Berger) Riccobono, o Weberbawerocereus Backeberg come possibili Echinopsis con caratteri fiorali e/o caratteri di impollinazione modificati. Per esempio pensiamo sia evidente che Denmoza rhodacantha (Salm-Dyck)) Britton & Rose sia un perfetto anello di congiunzione tra l’attuale concetto di Echinopsis sensu lato (Anderson 2001, 2005, 2011; Hunt et. al 2006) e i generi che lo studio di Schlumpberger & Renner (2012) aggiunge affinché il genere Echinopsis possa essere realmente monofiletico (per maggiori dettagli riguardo la nostra posizione vedi cactusinhabitat booklet. South America 2011-2013 (Anceschi & Magli 2013b, 22-29). È da rimarcare che nell’ontogenesi di Echinopsis guentheri (Kupper) Anceschi & Magli sono identificabili alcune fasi giovanili (prima dell’apparizione del cefalio) (foto 6-8, 25-26) nelle quali il taxon si avvicina morfologicamente ad alcune Echinopsis andine (Trichocereus). Inoltre, arrivando a definire il taxon come una Echinopsis, la questione dell’isolamento geografico perde di significato. L’area fitogeografica di E. guentheri è costituita da una nicchia del Bioma Chaco rimasta isolata nella prima fascia andina. Ne sono una prova le cactacee che le sono simpatriche: Cereus stenogonus K. Schumann, Castellanosia caineana Cárdenas, Gymnocalycium pflanzii (Vaupel) Werdermann, Neoraimondia herzogiana (Backeberg) Buxbaum & Krainz, Echinopsis bridgesii Salm-Dyck, tutti taxa, ad esclusione di E. bridgesii, caratteristici del Chaco. Tra i cactus colonnari che popolano il Chaco, uno dei maggiori ecosistemi del continente sudamericano (di 1.000.000 di km quadrati circa), sembrava non ci fosse nessun tipo di Echinopsis, ora pensiamo che un possibile discendente dei Trichocereus andini si sia fermato a nella Valle del Rio Grande. (Tradotto da: Anceschi & Magli 2013b, 47-48)

Echinopsis guentheri (Kupper) Anceschi & Magli è una nuova combinazione pubblicata in cactusinhabitat booklet. South America 2011-2013 (Anceschi & Magli 2013, 38). Per l'ipotesi filogenetica adottata per l'assimilazione di Vatricania Backeberg in Echinopsis Zuccarini vedi booklet (ibid., 22-29). (Giugno 2013)

Per anni, le analisi molecolari hanno rilevato la stretta relazione tra Echinopsis s.l. e gli altri generi interni alla tribù Trichocereeae, o sottotribù Trichocereinae, (Nyffeler 2002, 317, 319; Schlumpberger 2009; Lendel et al. 2006, unpubl. data in Nyffeler & Eggli 2010). Analisi molecolari ancora più recenti in Echinopsis (Schlumpberger & Renner 2012), hanno dimostrato chiaramente che una corretta interpretazione cladistica dei dati molecolari, nella direzione di un genere Echinopsis monofiletico, porta all'assimilazione in Echinopsis s.l., come attualmente concepito (Anderson 2001; Hunt et al. 2006; Anderson & Eggli 2011), di Cleistocactus Lemaire, Denmoza Britton & Rose, Haageocereus Backeberg, Harrisia Britton, Oreocereus (A. Berger) Riccobono, Weberbauerocereus Backeberg e 10 altri generi delle Trichocereeae/Trichocereinae.
Abbiamo affrontato per esteso il soggetto, nella parte dedicata alla tassonomia, nel nostro ultimo booklet (Anceschi & Magli 2013b, 22-29). 
La nostra posizione è riassunta in “The new monophyletic macro-genus Echinopsis. No risk of paraphyly, and the most convincing hypothesis in phylogenetic terms”, pubblicato su Cactaceae Systematics Initiatives N° 31, pagine 24-27 (Agosto 2013).
Il download del Postprint è disponibile qui (PDF 168KB).
(Febbraio 2015)

Genere

Echinopsis

Altre specie

albispinosa
ancistrophora
angelesiae
aurea
balansae
baumannii
bertramiana
bridgesii
bruchii
buchtienii
calochlora
camarguensis
candelilla
candicans
caulescens
celsiana
chrysantha
chrysochete
ferox
formosa
guentheri
haematantha
hempeliana
horstii
huascha
kieslingii
korethroides
lateritia
leucantha
leucotricha
mamillosa
mirabilis
nothochilensis
nothohyalacantha
nothostrausii
obrepanda
oxygona
parviflora
pasacana
platinospina
pomanensis
pugionacantha
quadratiumbonata
randallii
rhodacantha
rhodotricha
rojasii
samaipatana
santacruzensis
schickendantzii
spiniflora
stilowiana
strigosa
tacaquirensis
tarijensis
terscheckii
tetracantha
thelegona
thionantha
tominensis
trollii
weberbaueri
werdermanniana